UNA STANZA Di LIBRI A VICENZA

Nella sala di un’abitazione privata, una parete muraria che si apre al centro con due coppie di colonne, una sopra l’altra, separa una stanza per i libri da un antistante vestibolo. All’interno della stanza, quattro colonne di doppia altezza, con una pedana di legno per “terra” e un telo luminoso per “cielo”, distinguono il luogo per la sosta e la lettura dall’anello dei percorsi sovrapposti lungo le pareti dei libri.

E’ un luogo che vuol essere una casa di per sé, con una calma atmosfera. Ricorda la sala geometrica con “muri di libri”, che per lungo tempo la Biblioteca è stata, prima di diventare un edificio di per sé, dove il luogo della lettura si separava da quelli del deposito e della conservazione di una grande moltitudine di libri.