MUSEO IPOGEO DEI CINQUE ORDINI DELL’ARCHITETTURA

Progetto per la Mostra “Paris: architecture et utopie”, Pavillon de l’Arsenal, Parigi,1989
collaboratore: Michelangelo Zucchini

Una fossa profonda, scavata in un parco urbano al centro della città, è il luogo segreto di un’architettura che propone una riflessione su sé stessa, ovvero sugli ordini architettonici,
Si presenta in forma di sei Loggiati, ciascuno composto dalla sovrapposizione dei cinque ordini dell’architettura: le proporzioni della coppia di colonne, che si ripete identica al centro dei cinque passaggi, ricordano il canone proposto da un famoso architetto. A brevi intervalli si trovano i Loggiati intitolati a Serlio, a Palladio, a Vignola, a Scamozzi, a Perrault, a Gibbs.
La fossa, larga e profonda 22.50 metri, è lunga 100 metri; è circondata da un doppio anello murario: quello esterno per le scale, quello interno per i percorsi. Sotto al cortile ipogeo si trova il Museo della Storia degli Ordini architettonici.
I quattro angoli della fossa sono segnati da obelischi, i punti d’ingresso di ciascun Loggiato dalle statue, con l’effige dell’architetto a cui è intitolato.